Rimandate al mittente le lamentele su Goblin Slayer in Giappone

Il BPO (Broadcasting Ethics & Program Improvement Organization) è un gruppo giapponese con il compito di controllare i contenuti delle televisioni in Giappone.
Ogni mese pubblica i commenti e le lamentele degli spettatori che riguardano ciò che viene trasmesso sulle reti televisive. Recentemente il pubblico si è lamentato del character design e dei contenuti a sfondo sessuale riguardanti i personaggi di un anime per bambini, Yo-Kai Watch, delle scene di nudo in Le Bizzarre Avventure di Jojo e delle scene violente in Magical Girl Site. Ma la programmazione anime non è la sola a destare clamore: ci si è lamentati anche dell’uscita delle news riguardanti Pokémon GO e dell’eccessiva concentrazione di anime in tarda serata.

Opinioni e lamentele non vengono necessariamente condivise dai membri del BPO: durante il 207° incontro del Comitato Giovanile il gruppo si era focalizzato su Goblin Slayer. Già dalla prima puntata velati episodi di violenza a sfondo sessuale nei confronti delle donne hanno attirato il malcontento del pubblico, sia giapponese che inglese.
Il 23 ottobre, durante l’incontro, il Comitato ha deciso di discuterne, giungendo però ad una conclusione differente.
 

Goblin_Slayer-cover.jpg

Infatti i sette membri hanno respinto le lamentele sulla puntata: uno spettatore aveva affermato che mostrare violenza sessuale potesse influenzare negativamente i giovani, ma il comitato ha reclamato dicendo che, vista l’ora in cui viene trasmesso l’anime e dato che le scene non sembravano così negative, non sarebbero intervenuti.

Il primo episodio di Goblin Slayer inizia con una ragazzina di 15 anni che sta per compiere la sua prima missione per una gilda: addentrarsi nel covo di un gruppo di goblin, mostri che terrorizzano le persone. Il gruppo è composto da varie donne e ha come obiettivo la liberazione di alcune ragazze tenute in ostaggio da questi mostri. Una volta all’interno della tana, sia la protagonista che lo spettatore si ritrovano davanti a scene di stupro violento, omicidio e infanticidio.
Nel mondo ritratto dall’anime i goblin posso riprodursi soltanto con femmine umane, il che spiega il rapimento del gruppo di ragazze.

Durante l’incontro, il BPO ha anche discusso di un drama che parla della storia d’amore tra alunno ed insegnante, ma la conclusione è stata che la storia non avrebbe avuto alcun impatto negativo sui giovani.

White Fox si sta occupando della versione anime di Goblin Slayer, opera di Kumo Kagyu, mentre Crunchyroll trasmette la versione streaming in contemporanea con l’uscita in Giappone. A seguito delle critiche dell’utenza il sito ha aggiunto una nota all’anime per avvisare gli spettatori.
Ricordiamo che in Italia la serie è trasmessa in streaming gratuito su VVVVID mentre il manga è disponibile per J-Pop.

Fonte consultata:
Anime news network

Fonte Notizia